011 588.97.71
info@delpho.it

Il Blog degli amministratori

13 Feb 2018

PORTIERATO SOCIALE

L’iniziativa di portierato sociale promossa dall’Atc (Agenzia Territoriale per la Casa) di Torino nel complesso ex Italgas della città, riguarda la sperimentazione di un servizio sociale studiato per contrastare il degrado sociale che sempre più sembra affliggere i territori urbani.

Oltre alle normali competenze di un portierato condominiale il servizio si propone di andare incontro alle persone più fragili e in difficoltà, ponendosi l’obiettivo di favorire i rapporti di buon vicinato, l’integrazione e il rispetto delle regole comuni.

portierato_sociale001

A Torino il progetto sperimentale, seppure già replicato in altre città, è stato affidato, attraverso bando pubblico, alla cooperativa sociale Zenith, già operante nel campo sociale con pazienti psichiatrici, disabili, comunità alloggio e mamme in difficoltà.

Il progetto prevede, come spiegato dalla presidente di Zenith, Maria Piera Mondo, una postazione internet per la portineria, con la quale aiutare chi non è pratico con le nuove tecnologie ad accedere ai servizi on-line, oppure per la compilazione e l’invio via mail del curriculum per chi è in cerca di lavoro.

Questo nuovo portierato si prenderà cura di dare vita a momenti di festa e socializzazione per tutti, di organizzare attività di doposcuola per i bambini e di favorire la partecipazione e la convivenza in spazi comuni del condominio.

Per i lavori di manutenzione, in particolare per quelli che non necessitano di particolari e specifiche esigenze, si è previsto l’utilizzo della formula voucher, in modo da sostenere in minima parte eventuali condòmini disoccupati e capaci nello svolgimento di tali attività.

Ad Alba la cooperativa sociale Alice ha indetto un bando di concorso per la gestione della casa solidale che, da oltre trent’anni, accoglie nuclei famigliari in emergenza abitativa temporanea o persone che stanno svolgendo un percorso di reinserimento; in questo caso la funzione del portierato sociale è quella di fornire un progetto di inclusione sociale per stabilire dei legami per le famiglie, i rifugiati, le mamme con bambini accolti dal centro.

portierato_sociale002La casa solidale di Alba si pone come obiettivo un servizio finalizzato a prestare un’attenzione costante nei confronti degli inquilini della casa promuovendo occasioni di incontro e socializzazione. Il portiere sociale si trasferirà in pianta stabile nell’alloggio della struttura ( messo a disposizione in comodato d’uso gratuito) e dovrà promuovere occasioni di aggregazione dentro e fuori la casa, costituendo un punto di ascolto in grado di facilitare le relazioni tra i residenti.

Anche a Ivrea il portierato sociale ha conquistato quartieri di edilizia popolare, ponendosi come un vero e proprio mediatore sociale all’interno del quartiere. Il progetto riguarda infatti diversi numeri civici di una zona popolare in cui un sempre più frequentemente si verifica l’impoverimento delle reti primarie, familiari e amicali.

Oltre alle attività minime (interventi di piccola manutenzione, dal riordino delle aree verdi e parti comuni, alla riparazioni di serrature, sostituzione di lampadine e decorazioni) per le quali risulta spesso difficile e oneroso effettuare singoli interventi tempestivi, il portierato sociale si dovrà porre come punto di riferimento per le persone all’interno dei condomini e migliorare la vivibilità del condominio e del quartiere, favorendo iniziative tese all’integrazione delle diverse culture e all’inserimento degli inquilini nel tessuto sociale.

portierato_sociale003Sarà quindi suo compito facilitare i rapporti tra inquilini e Atc, Comuni e servizi sul territorio. Sarà lui a spiegare i regolamenti Atc e gli adempimenti amministrativi (censimento, fondo sociale e conguagli, etc…), ma soprattutto si attiverà a sostegno della domiciliarità di quei soggetti fragili e nuclei composti da anziani.

Ritengo che iniziative simili possano facilitare, in tutte quelle realtà territoriali in cui il degrado e l’abbandono da parte delle amministrazioni pubbliche hanno impoverito il tessuto sociale, il lavoro dell’amministratore di condominio, costretto a volte a fare da argine, o essere travolto, da problematiche sociali che non è tenuto a risolvere e che difficilmente potrebbe risolvere da solo.

Simone Pignoli
ImprESA: Energia | Serivizi | Amministrazione
www.impresatorino.it

Lascia un risposta