011 588.97.71
info@delpho.it

Il Blog degli amministratori

30 Ott 2017

SPESE CONDOMINIALI IN CASO DI VENDITA

In caso di vendita di una unità immobiliare appartenente a un condominio si pone la questione su chi debba
pagare le spese condominiali e fino a quale momento.
Secondo l’art. 63 Disposizioni di Attuazione del Codice  Civile, “chi subentra nei diritti di un condominio è obbligato, solidalmente con questo, al pagamento dei contributi relativi all’anno in corso e a quello precedente”, dove per anno si intende un’annualità della gestione economica e non l’anno solare. Questo comma di fatto istituisce il “vincolo solidale” tra venditore e acquirente, che va a maggiore tutela degli interessi del condominio.

In precedenza non sempre si applicava questo principio, e la giurisprudenza non ha dato un corso univoco alle
norme esistenti; per esempio, in un caso di quota parte dovuta per lavori di manutenzione straordinaria
deliberati prima del passaggio di proprietà la Cassazione ha deliberato che fosse dovuta sia dalla parte
acquirente (cfr. Cass. n.981/98) sia dalla parte venditrice (cfr. Cass. 9366/96).spese_condominiali

Come abbiamo visto di recente si è preso ad applicare il principio contenuto nell’art 63, comma 2, in maniera
univoca, permettendo all’amministrazione di chiedere a chi compra (responsabilità solidale) le parti
eventualmente non versate dal precedente proprietario, e potere quindi salvaguardare la corretta gestione economica.

Il nuovo proprietario si potrà rivalere sul precedente se si accorgesse che le spese pagate fossero imputabili a due annualità precedenti al passaggio di proprietà.

Conviene dunque accertarsi bene, prima di acquistare casa, che le spese condominiali siano state regolarmente saldate, onde evitare di trovarsi davanti a spiacevoli e onerose sorprese.

Simone Pignoli
ImprESA: Energia | Serivizi | Amministrazione
www.impresatorino.it

Lascia un risposta